Vai al contenuto

Risparmiare sulle spese condominiali: ecco come fare

 

 

Un condominio presenta delle spese che, molto spesso, ricadono sui condomini e possono arrivare a 1000 euro per appartamento. Secondo uno studio dell’Anammi, a causa della crisi, circa il 20% delle famiglie che abitano in un condominio non riescono a sostenere tale spesa. Come risparmiare, quindi, sulle spese condominiali? Scopriamolo in questo breve articolo.

Cura del giardino e delle parti comuni

Molti condomini presentano un giardino che deve essere curato e ben tenuto essendo l’immagine dello stabile. Curarlo, però, può costare molto specie se si chiede l’intervento di un professionista. In questo caso se si è appassionati di giardinaggio, ci si può prendere il compito di curarlo facendosi pagare solo i materiali usati. 

Un’altra spesa che grava su chi abita in un condominio è la pulizia delle parti comuni quali: le scale, l’ascensore, l’atrio e l’androne. Molti amministratori si affidano a delle agenzie specializzate nelle pulizie per tenere ordinate e pulite le parti comuni ma, essendo dei professionisti, il prezzo da loro richiesto è elevato.

Per poter sviare a questa spesa è possibile, attraverso una riunione di condominio, arrivare ad un accordo tra tutti gli occupanti dello stabile che può essere: dividersi i compiti e, a turno, effettuare le pulizie.

Naturalmente questo è possibile solo se ogni singolo condomini si impegna a tenere il più pulito possibile le parti comuni. Oppure è possibile rivolgersi ad un privato il quale, rispetto ad un’agenzia specializzata, costa molto meno e, molto spesso, lavorano meglio.

Risparmio energetico delle parti comuni

Risparmio energetico delle parti comuni in un condominio

 

È possibile risparmiare sull’energia elettrica usata per illuminare le parti comuni montando delle lampadine a led o a risparmio energetico, montando degli interruttori a tempo e temporizzando le luci esterne (se presenti).

Riscaldamento e acqua centralizzati

Utilizzando il riscaldamento e l’acqua centralizzati ognuno paga quello che effettivamente consuma e questo non porta un’effettivo risparmio al condomino, ma lo rende consapevole del consumo effettuato e può agire di conseguenza.

Naturalmente anche avere un amministratore di condominio ha un costo, ma è possibile eleggerne uno che non comporti costi elevati. Tutte le azioni sopra citate devono essere discusse e votate durante una riunione di condominio, quindi non prendere decisioni senza prima parlarne con gli altri occupanti! 

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi