Vai al contenuto

Migliori friggitrici guida all’acquisto

 

Migliori friggitrici guida all'acquisto

 

Per scegliere le migliori friggitrici dobbiamo partire da un piccolo vademecum, e sopra ogni cosa ricordare quale sia il vostro tipo di esigenze. Perché spesso quello che per una persona è la friggitrice migliore non lo è per altri.

Sul mercato si trovano differenti tipologie di modelli di friggitrice, dalle friggitrici ad olio sino ai modelli di friggitrici ad aria. Tutto dipende dalle tipologie di pietanze che si vogliono cucinare. Dobbiamo infatti pensare che le esigenze di cottura di alcune pietanze non danno gli stessi risultati in entrambe le tipologie di friggitrice.

Aspetto importante nella scelta della migliore friggitrice, è di valutare attentamente la friggitrice con un contenitore ottimale per resistenza alle alte temperature, inalterabile per contatto con olio caldo e facile da pulire.

Friggitrice ad olio. Friggitrice elettrica. Friggitrice ad aria: principali differenze

Friggitrice ad olio. Friggitrice elettrica. Friggitrice ad aria: principali differenze

 

Lo diciamo subito: la principale distinzione verte sulla tecnica di cottura.

Le friggitrici a olio assicurano l’adeguata temperatura del grasso di cottura, che viene mantenuta costante per far progredire in modo perfetto la disidratazione esterna del bocconcino immerso nel grasso. Il risultato che si ottiene in pochi minuti è la croccantezza dello strato esterno che chiude la parte interna, cotta e asciutta.

Se desideri alimentarti in modo più sano e leggero, senza rinunciare al gusto del fritto, allora puoi scegliere una friggitrice ad aria, dove il consumo di olio è ridotto fino al 100%. Questa tipologia di friggitrici sta sempre più prendendo piede, grazie anche al fatto che consente di eliminare gli odori della frittura dall’ambiente e la cottura salutare.

Friggitrice ad olio: come scegliere il modello giusto

Friggitrice ad olio: come scegliere il modello giusto

 

La friggitrice ad olio casalinga sono generalmente modell piccoli, molto compatti e spesso curati nel design. Sono dotate di coperchio, per evitare schizzi di olio e hanno appositi filtri removibili per limitare fumi e odori durante la cottura, ma hanno una capacità ridotta e spesso presentano un solo cestello che, però, può essere anche rotante per garantire una frittura omogenea. Rispetto ai modelli destinati ai ristoranti, invece, sono ricche di funzionalità con programmi preimpostati e un termostato per semplificare la cottura anche a chi è alle prime armi.

Principalmente, le friggitrici ad olio presenti sul mercato sono:

  • Piccole: capacità di circa 1,2 litri, adatte per una coppia o massimo per 4 persone
  • Medie: capacità interna tra 1,5 e 2,3 litri, adatta per circa 4/6 persone
  • Grandi: capacità interna di 3-4 litri, adatta per friggere fino a 8 porzioni
  • Professionali: con una grande capacità adatte per attività di ristorazione

Non ci sono grandi differenze tra i modelli di friggitrice ad olio, invece, per quanto riguarda il consumo energetico: infatti, le varie tipologie per uso domestico hanno un assorbimento che varia dai 1000 ai 2000w.

Da prestare attenzione, durante la scelta di una friggitrice ad olio, è la tipologia di cestelli utilizzate dalle principali friggitrici:

  • cestelli statici: si tratta dei classici cestelli ad immersione verticale, tipici delle friggitrici più tradizionali. In questo caso, gli alimenti rimangono sempre immersi nell’olio bollente e sarai tu a doverli eventualmente smuoverli per migliorare la cottura.
  • cestelli rotanti: questa tipologia di cestello, invece, viene messa in obliquo nella friggitrice e, tramite una funzione automatica, si muovono per separare meglio gli alimenti presenti. Questi cestelli hanno l’indubbio vantaggio di richiedere meno olio rispetto ai modelli statici.

Parliamo infine di pulire la friggitrice ad olio? I modelli di friggitrice ad olio hanno principalmente due metodi per eliminare l’olio utilizzato:

  • tubo o rubinetto di scarico: in questo caso un apposito tubo consente il drenaggio dell’olio ed è la soluzione più pratica.
  • cestello o vaschetta removibile: alcuni modelli, dotati dello scarico per l’olio, hanno un cestello che va estratto e svuotato.

Friggitrice elettrica: come scegliere il modello giusto

Friggitrice elettrica: come scegliere il modello giusto

 

La comodità di avere un prodotto con un consumo ridotto di olio, spinge molti a scegliere una friggitrice elettrica. Anche in questo caso però ci sono elementi da tenere ben in considerazione:

  1. la maggior parte dei modelli ha una manopola, più solida, oppure una levetta, che però potrebbe rappresentare un punto di rottura, con cui scegliere la temperatura. Questo range, nelle friggitrici elettriche, va dai 130 °C ai 190 °C, temperature ottimali per ottenere una buona frittura
  2. Mantenimento della temperatura scelta. Soprattutto nelle friggitrici con coperchio la temperatura è mantenuta da un termostato che la protegge anche dal surriscaldamento.
  3. Sicurezza in cucina. Sia nei modelli con contenitore a vasca, aperti ma dotati di piedini antiscivolo, che soprattutto nei modelli con il coperchio di chiusura, si evitano completamente incidenti di contatto con l’olio caldo.
  4. Composizione del contenitore.  Resistente alle alte temperature, BPA free esterno e acciaio interno, lavabile in lavastoviglie.
  5. Lunghezza del cavo di alimentazione e suo alloggio. Dimensione da tener presente considerando la distanza dalla presa di corrente al piano di cottura, dove vuoi porre la friggitrice. Sono sempre da preferire gli elettrodomestici che hanno un vano dove riporre il cavo di alimentazione, in modo che non sia d’ingombro nello scaffale preposto.

Friggitrice ad aria: come scegliere il modello giusto

Friggitrice ad aria: come scegliere il modello giusto

 

La friggitrice ad aria è la scelta ottimanel per chi cerca un’alimentazione priva di grassi senza rinunciare alla croccantezza. Ma attenzione! Una friggitrice ad aria è anche un elettrodomestico versatile, in quanto è anche possile arrostire e grigliare. in modo creativo e veloce. grazie ad una serpentina che riscalda l’aria, non solo le classiche patatine fritte, ma anche carne e pesce.

Proprio grazie all’aria che è distribuita in modo omogeneo nel contenitore sigillato da una serie di ventole è possibile simulare una frittura senza alcuna aggiunta di olio o altri grassi. Il ventaglio di ricette potenziali con questo piccolo elettrodomestico ne fanno uno dei più venduti attualmente, soprattutto per la comodità di completare la frittura di cibi pre-impanati e surgelati, che nella friggitrice a olio possono procurare una fuori uscita.

Conclusioni: quale modello scegliere?

Ecco dunque che per ogni esigenza esiste il modello giusto di friggitrice, basta solamente scegliere in quale tipologia far il proprio acquisto in serenità.

Le friggitrici elettriche preparano i bocconcini in tempi più rapidi e minor consumi. I modelli a cassetto proposti hanno una sola serpentina ottimale per garantire nel minor tempo e con risparmio di utenze un ottimo risultato.

Le friggitrice ad olio sono più adatte a coloro che amano la nostra tradizione culinaria dove l’olio di oliva è alla base della nostra alimentazione.

Per chi cerca un elettrodomestico in  grado di migliorare la qualità dei cibi dal punto di vista della salute, oltre alla comodità di avere un prodotto anche con un consumo ridotto di olio, allora la scelta giusta è di una friggitrice ad aria, che consente anche di poter cucinare bocconcini pre-impanati da proporre se si è di fretta.

Non resta che scegliere il modello giusto!

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi