Vai al contenuto

Febbraio: cosa coltivare nell’orto e in vaso

 

orto coperto con dei teli

 

Le varietà delle piante da coltivare in un orto, si sono nel tempo differenziate dai tempi indietro. Oggi piantare un cavolo selvatico e il cavolfiore, hanno gli stessi tempi e le stesse manovre. Considerando che il primo fiorisce in estate e il secondo nei mesi invernali.

L’opera dell’uomo nell’orticultura, ha fatto sì che si facessero dei passi da gigante. L’introduzione della scienza che si occupa dell’orto, l’orticultura, è andata incrementandosi fortemente con l’adozione e con il perfezionamento dei sistemi di protezione dell’orto già diffusi in epoca passata.

Spesso chi si dedica a questa “arte”, deve conoscere i tempi e i modi per ottenere buoni risultati. Chi possiede un lembo di terra e ne fa un orto, è pratico del tempo e delle sue specifiche. Febbraio è un mese molto importante per l’orto, sia per quanto riguarda le attività di semina e concimazione sia per la sistemazione del terreno.

Ci si comincia a preparare per l’arrivo della primavera e i lavori da fare nell’orto, in vaso o in giardino per avere un raccolto soddisfacente e produttivo sono molti. Fare da sé un orto, anche in uno spazio ridotto, offre molti vantaggi sia dal punto di vista del risparmio che del benessere. Non solo mangeremo cibo sano, a km 0 e stagionale ma avremo tutti i benefici in salute dall’ortoterapia che ci regalerà una sensazione di benessere psicofisico.

Che cosa si pianta nell’orto il mese di febbraio?

varietà di cavoli

 

Ci sono alcuni tipi di ortaggi che possiamo piantare adesso e che saranno pronti in primavera. La variabile più importante, ovviamente, è quella del clima. Quindi nelle giornate più fredde coprite con dei teli le piantine per ripararle dalle possibili, distruttive gelate. Con la luna si può procedere alla potatura e al rinvaso, laddove necessario.

Tra le varietà da piantare a febbraio, senza attendere dunque, la primavera, ci sono le barbabietole, i carciofi, le carote, le cipolle, i fagioli e le zucchine. Senza dimenticare il basilico che, se piantato ora lo si può avere a disposizione per tutto l’anno.

Se abbiamo un orto questo è anche il momento giusto per smuovere il terreno e concimarlo. Ne gioveranno le piante per mesi successivi e si produrranno più piante e più forti.

Mese di febbraio: semina, raccolto e lavori nell’orto

orto a febbraio

 

Allora poi potete piantare a terra le cipolle, le barbabietole, la rucola, i piselli, la cicoria, i ravanelli, le fave, il prezzemolo, la lattuga e le carote. Se invece non si ha un orto ma un balcone o un terrazzo è il momento di smuovere e concimare la terra nei vasi in cui si potranno mettere: i ravanelli, il sedano, le zucchine, i pomodori, l’aglio e anche i peperoni.

Dopo aver seminato le verdure si consiglia di ricoprirle con una lastra di vetro o di plastica trasparente in modo da favorire una temperatura adeguata alla semina. Tutte queste operazioni si sconsigliano per le aree dove a febbraio è ancora veramente molto freddo.

E’ opportuno rimandare il tutto agli inizi della primavera. Per quanto riguarda invece il raccolto, a febbraio si raccolgono i tipici prodotti invernali tra cui i cavoli, il cavolfiore, le erbe aromatiche e il finocchio.

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi