Vai al contenuto

Come coltivare il prezzemolo in vaso

 

aroma del prezzemolo

 

Tra gli aromi più utilizzati in cucina, c’è sicuramente il prezzemolo. Il prezzemolo appartiene alla famiglia delle apiaceae ed è una pianta nota e coltivata fin dall’antichità. Molte persone coltivano il prezzemolo in vaso perché hanno già sperimentato la ricchezza di avere a portata di mano le piantine aromatiche fresche e da gustare quando servono.

Spesso sui balconi, questa pianta, è avvicendata anche dal basilico e dalla salvia, perche tutti questi aromi hanno un’importanza predominante per la cucina italiana.
Un piatto di spaghetti alle vongole acquista colore e freschezza con una manciata di prezzemolo appena colto e spezzettato sulla pasta.

Come si semina il prezzemolo: in tutti i supermercati sono in vendita delle bustine di semi. Distribuite questi semi in modo uniforme nel vaso, ricopriteli con un leggero strato di terra e attendete. Ci vuole un po’ di tempo. La piantina di prezzemolo infatti cresce con lentezza e impiega circa un mese per far germogliare dal seme le prime foglioline.

Le radici crescono in profondità, per cui è bene acquistare un vaso alto e profondo.
Per ottenere una germinazione più veloce, immergete i semi per una notte in acqua prima di piantarli e poi interrateli a 1 cm di profondità.

Come mantenere il prezzemolo in vaso?

prezzemolo in vaso

 

La pianta non presenta condizioni particolari per la crescita, sopporta i climi temperati. Il raccolto del prezzemolo coltivato a ottobre, avviene nel mese di marzo. A giugno però potate la pianta per permettere alle nuove foglie di ricrescere.

Dopo che sono spuntate le prime foglioline, bisogna annaffiare le piantine con frequenza, ma a piccole dosi: il terreno deve infatti rimanere sempre umido. Le foglie fresche del prezzemolo contengono ferro, calcio, fosforo, vitamina K e vitamine A e C in quantità superiori a quelle contenute nelle arance.

Ma non solo: il prezzemolo è ricco anche di flavonoidi antiossidanti e possiede effetti diuretici, depurativi, antisettici e antispasmodici. Esistono due tipologie di prezzemolo: quello a foglia larga e a foglia riccia più dolce e meno usato, adatto soprattutto per decorare i piatti.

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi