coltivare origano

 

Come sappiamo l’origano è un ottimo ingrediente per dare gusto ai nostri alimenti, ma forse non vi è noto che l’origano fa molto bene ed è considerata una medicina naturale, infatti è ricca di antiossidanti, sali minerali e vitamine importanti per la salute.

Essendo l’origano, come possiamo facilmente intuire, una delle erbe aromatiche più utilizzate in cucina nonché perfetto per conferire gusto e sapore ai nostri piatti, l’origano può essere coltivato in casa secondo diversi metodi. Ma sappiamo quali sono le proprietà nutritive dell’origano?

L’origano contiene antiossidanti, calcio, potassio, magnesio, ferro, vitamine A B ed E, le quali lo rendono un rimedio naturale per tante patologie. È anche un buon disinfettante nonché antibiotico naturale che previene patologie respiratorie. L’olio essenziale di origano viene largamente utilizzato per preparare infusi o suffumigi con i quali calmare tosse secca, raffreddore e naso chiuso.

L’origano quindi è assolutamente da coltivare, ma come fare? Può essere coltivato in casa o in orto. Da che mesi iniziare? Quando potrò raccoglierlo? Nella prossima pagina vedremo passo per passo come realizzare la coltivazione di questa vera e propria medicina naturale.

Origano in vaso: una guida pratica per coltivarlo in casa

coltivare origano in casa

 

Per poter crescere l’origano ha bisogno di sole e temperature miti. L’importante è che il terreno sia drenato e senza ristagni d’acqua. L’occorrente è una bustina di semi, un sacchetto di terriccio e un vaso di terracotta. Se vorrete seminare in vaso, iniziate il procedimento in primavera. Quando le piantine inizieranno a germogliare eliminate quelle meno vigorose e mantenete quelle robuste.

Trapiantate l’origano nei mesi di aprile e maggio e posizionate il nuovo vaso in una zona ben soleggiata. In inverno posizionate in un luogo protetto le piantine. Se invece optate per la coltivazione in orto, partite dal mese di aprile.

Non interrate troppo i semi, favorite il drenaggio e aumentate la fertilità del terreno. Aggiungete ghiaia, sabbia, torba e compost. La pianta dell’origano preferisce terreni asciutti, evitate quindi di innaffiare troppo. La raccolta si effettua nel corso dell’anno staccando ogni tanto una fogliolina oppure il rametto con tutti i fiori. Essiccate i rametti in maniera semplice posizionandoli all’ombra e a testa in giù e il gioco sarà fatto!