Vai al contenuto

Trasformare un container della spazzatura in una piscina

 

piscina fatta con materiale di cassonetto spazzatura

 

Chi è che, seduto al caldo in automobile o ancora alla scrivania dell’ufficio, non sta sognando in questo momento di immergersi in mare o in una fresca piscina? Fuori fa caldo e il desiderio di rinfrescarsi un po’ è quello di tutti quelli che ancora non possono andare in vacanza.

Allora perché non prendere un comunissimo cassonetto dell’immondizia e trasformarlo in una piscina da mettere in giardino? L’idea vi sembrerà bizzarra, per non dire assurda, ma è fattibile. Lo ha fatto l’architetto Stefan Beese, che ha trasformato un vecchio cassonetto dell’immondizia in una piscina con patio per tutta la famiglia.

Questo singolare architetto è originario della Germania, ma dal 2005 vive negli Stati Uniti, dove ha partecipato insieme ad altri architetti del suo paese, alla ricostruzione della città di New Orleans quasi del tutto abbattuta dall’uragano Katrina circa dieci anni fa.

Il signor Beese ha recuperato un container da spazzatura in metallo, lo ha smontato e ha usato i lati come struttura portante della piscina. Ha ricreato poi il fondo. La piscina misura 7 metri di lunghezza per 2 di larghezza.

Modpools è facile da montare e smontare in pochi minuti

Trasformare un container della spazzatura in una piscina

 

Si tratta di uno spazio per nulla piccolo. Infatti sembra che tutta la famiglia Beese abbia approfittato dell’esperimento. La struttura in metallo è stata poi interamente rivestita con della schiuma isolante e infine impermeabilizzata con dei teli interni di plastica.

Tutto l’esterno è stato poi rivestito con dei listoni in legno per camuffare la struttura in ferro e per renderla esteticamente più gradevole. Per questo progetto singolare, l’architetto Beese si è ispirato al design dei bagni orientali, in particolare giapponesi, che prediligono una forma squadrata e l’utilizzo del legno.

La tradizione medica orientale vuole che l’uso del legno per la vasca eserciti delle azioni benefiche per la salute del corpo e della mente e che contribuisca a rilassare e rigenerare il corpo. Non sappiamo se l’opera del signor Beese abbia raggiunto anche questo effetto, ma ne ammiriamo l’idea.

Questa piscina-container ha anche un sistema di sanificazione e riscaldamento, un impianto cambiacolori di luce a LED e otto getti idromassaggio

Piscina trasformata architetto Beese

 

Ovviamente a parte gli elementi di riciclo che compongono la struttura, da un punto di vista della manutenzione, si seguono le stesse regole di igiene e pulizia, valide per le piscine cosiddette “normali”.

Quindi l’architetto ha predisposto tutti i tubi e l’occorrente per la pulizia corretta dell’acqua. Inoltre la piscina può essere smontata completamente e risistemata da un’altra parte. Infatti nei progetti della famiglia Beese c’è un trasloco imminente.

E ovviamente la piscina seguirà la famiglia. Verrà smontata e con poche ore di lavoro rimontata nel nuovo sito. Più facile di così!

Ricicla i cassoni della spazzatura come piscine

 

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi