Vai al contenuto

Meraviglie della natura: i ponti di caucciù

 

ponte di radici di caucciù

 

In uno dei luoghi più particolari mai visti, in Mawsynram a Meghalaya nel nord-est dell’India, ci sono alcune delle più affascinanti opere della natura: i ponti fatti di radici di caucciù.

In questa terra splendida e selvaggia, i ponti per attraversare i fiumi non vengono costruiti dall’uomo, ma crescono da soli. Si tratta di un paese molto piovoso e con un clima ideale per certi tipi di piante come il caucciù.

La terra umida e l’aria sempre impregnata di pioggia, consentono alla vegetazione di crescere e prosperare indisturbata. Così chi vive in questi posti ha imparato a sfruttare le radici del caucciù che crescono velocemente, ricavandone dei ponti.

Le radici sono elastiche e quindi modellabili ed estensibili. Esse creano sia la struttura portante dei ponti che le parti più leggere. Così si possono installare da una sponda all’altra dei corsi d’acqua.

Il ponte naturale di radici viventi più famoso ha più di 100 anni

bambini che attraversano un ponte in caucciù

 

Passato un po’ di tempo e dopo che l’albero è cresciuto, il ponte vero e proprio viene rifinito con pietre e legni per facilitarne l’attraversata. Sopra questi ponti ci passano tranquillamente anche i bambini.

Per mettere in piedi un ponte di radici di caucciù, pienamente funzionale, possono occorrere dai dieci ai quindici anni. Ma alla fine la struttura è molto forte e vi possono camminare sopra anche più persone contemporaneamente: si dice cinquanta.

Il ponte può raggiungere la misura di cento metri e più di lunghezza. La straordinarietà di queste costruzioni è che sono totalmente naturali e longevi: alcuni dicono che vi sono ponti che hanno la bellezza di cinquecento anni!

camminare su un ponte di radici di caucciù

 

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi