Vai al contenuto

Bagno in legno: come trattare pavimenti e rivestimenti?

 

 

Le ultime tendenze in fatto di arredo bagno contemplano tra i tanti materiali naturali anche il legno. Molte persone lo scelgono sia per i pavimenti che per i rivestimenti. Senza dimenticare che i mobili stessi che vengono messi in bagno sono nella maggior parte dei casi realizzati con questo materiale.

Tuttavia non tutti sanno quali sono i trattamenti più adeguati per mantenere integro il legno ed evitare che col trascorrere del tempo e a contatto con l’ambiente umido del bagno, perda la sua originale bellezza.

Un bagno realizzato in legno ci da subito una sensazione di benessere e relax perché ci riporta alla mente le sale delle spa o le piccole baite di montagna. Se state ancora valutando l’idea di usare il legno anche nel vostro bagno tenete presente però alcuni fattori.

Non tutti i tipi di legni possono essere installati in un bagno. Il legno è un materiale vivo e naturale e l’umidità del bagno potrebbe non giovargli. Se non opportunamente trattato, potrebbe nel giro di pochi anni gonfiarsi, imbarcarsi o anche staccarsi.

Bagno in legno: a cosa prestare attenzione

mobili del bagno in legno

 

Vi creerebbe un danno economico non indifferente. Allora è opportuno evitare questo genere di problemi a monte accertandosi che il legno sia stato trattato e reso impermeabile all’umidità, all’acqua e alla condensa che si sviluppa in bagno.

Il trattamento prevede che si elimini l’umidità intrinseca del legno e si chiudano poi i pori applicando sulla superficie delle vernici apposite. Questo procedimento viene eseguito in delle camere speciali che “seccano” il legno, rendendolo più resistente e sicuro.

Il materiale non viene alterato e anche il colore rimane quello originale. Il legno diventa solo antibatterico e inattaccabile da muffe, funghi e batteri. Questo genere di trattamento viene fatto sia sui componenti dei mobili del bagno, che sulle lastre del rivestimento.

Parquet in bagno: i pavimenti in legno che non temono l’acqua

parquet in bagno

 

Per quanto riguarda il pavimento invece, in bagno può essere tranquillamente impiegato il parquet. Gli accorgimenti circa l’impermeabilizzazione del prodotto devono essere gli stessi. E se fino a pochi anni fa era impensabile posare il parquet anche in bagno, oggi non è ritenuta un’idea così fuori dal normale.

Il parquet migliore per questo ambiente è quello ricavato dai legni tropicali come il Teak, il Doussiè, l’Iroko, il Merbau, in quanto essi rispondono già in modo ottimale all’umidità. No ai laminati, perché la loro struttura non è adatta a sopportare gli sbalzi di temperatura che si verificano in bagno.

Chi ama il lavoro fai da te e sa anche come fare per riciclare un mobile e usarlo in bagno, non dimentichi le indicazioni fornite. Si ricordi di trattare i mobili con appositi prodotti a base di cera e non ometta di eseguire un efficace trattamento antimuffa e impermeabile, per rendere il legno adatto a stare per molto tempo in un ambiente del genere.

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi