Vai al contenuto

Il riscaldamento a battiscopa: come funziona

 

riscaldamento a battiscopa

 

Quando si rinnova un appartamento o quando si costruisce di sana pianta una casa, uno dei primi impianti importanti da prendere in considerazione è quello del riscaldamento. Si progetta come fare e come rendere operativa una necessità moderna.

Negli ultimi anni i progettisti di interni, hanno sviluppato un disegno di casa comoda con il bisogno di guardarne anche l’aspetto estetico. Così all’istallazione di un impianto riscaldamento ordinario dotato di termosifoni a vista, si sono aggiunti altri sistemi considerati più innovativi ed esteticamente più funzionali.

Dal riscaldamento a pavimento a quello a parete e soffitto, ormai ci sono diverse tipologie d’impianto per scaldare la casa. Ma forse il sistema più incredibile, dal punto di vista sia estetico che funzionale, è il riscaldamento a battiscopa.

Esso utilizza il sistema detto “ad irraggiamento“, simile al riscaldamento a pavimento, dove l’ambiente viene servito da tubi contenenti acqua calda che corrono sotto tutto il piano dell’abitazione e coinvolgono tutta la stanza.

Il riscaldamento a battiscopa: cos’è e come funziona

sistema ad irraggiamento

 

A differenza dei termosifoni a vista di ghisa, o di acciaio, che riscaldano per convezione, ossia attraverso lo spostamento di masse d’aria calda, questa forma di calore radiante risulta più statica e perciò più controllabile.

Questo tipo di sistema garantisce una temperatura uniforme all’ambiente e fa sì che l’aria non venga smossa. Non solleva polvere ed è particolarmente indicato per chi soffre di allergie.

Il calore sale dal battiscopa al soffitto scongiurando i problemi di umidità di risalita e di muffe. Assicura un calore piacevole e uniforme dal pavimento al soffitto.

Riscaldamento a battiscopa: vantaggi e svantaggi

riscaldamento a battiscopa particolare

 

Seguendo uno studio fatto sul calore, si è pensato di impiantare gli stessi tubi di portata del pavimento nel battiscopa. A differenza dei termosifoni a pareti, l’impianto sul battiscopa non richiede opere murarie, se si escludono i buchi nelle pareti per passare le tubazioni tra le varie stanze.

Tale riscaldamento può essere realizzato in qualsiasi momento, mentre quelli a pavimento o a parete sono impianti da installare in occasioni di lavori importanti. I radianti a battiscopa possono essere ad acqua, elettrici o misti.

Oppure possono essere alimentati anche da un impianto fotovoltaico. I sistemi misti ospitano nel battiscopa sia le tubazioni idrauliche che le resistenze elettriche, in modo da poter scegliere di volta in volta il sistema più conveniente in base alle esigenze del momento.

Iscriviti alla newsletter di Casafan

Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

Contenuti Premium

Update con gli ultimi trend

Cancellati quando vuoi