Tegole canadesi: pro e contro

tegole canadesi

Le tegole canadesi sono spesso chiamate anche con il nome di tegole bituminose, e il loro uso spazia tra differenti tipi di immobile, come casa, gazebo o rimessa. I modelli di tegola sono vari e possono cambiare in spessore e in finitura ma ciò che è costante è la rigidità, classificata come semi rigida. In questa guida vedremo la loro composizione, le varie modalità di acquisto e utilizzo ma anche i vari vantaggi e svantaggi del loro utilizzo.

L’installazione delle tegole sui nostri tetti segue il metodo tradizionale, ovvero quello di sovrapposizione con chiodatura delle stesse. Esistono in commercio, ma sono molto costose, delle raffinatissime tegole canadesi prodotte con l’utilizzo esclusivo di elementi naturali. La forma delle tegole è la forma standard a parallelepipedo, e presentano diversi tipi di finitura e armatura, che vi illustreremo in questa guida ai pro e contro delle tegole canadesi.

Esternamente, le tegole sono definite con della graniglia o pietre di diversi tipi, che ne conferiscono forza e resistenza, anche a fini estetici. Internamente lo scheletro, spesso impregnato con sostanze bituminose, è realizzato con un armatura in fibra di carbonio, e una faccia interna di sabbia o sughero. La finitura può variare esteticamente, ma a livello strutturale in ogni caso presenta caratteristiche di resistenza.

Uno dei vantaggi di queste tegole è l’uso che ne è possibile fare. La fascia di pendenza a cui questa tegola è adatta è un range molto alto di valori, a partire da pendenze del 20% fino ad arrivare a forme complesse e molto pendenti. Inoltre sono utilizzabili anche in ambienti di montagna per la realizzazione di tetti doppi.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.