Da un cottage del 1912 ad una splendida villa

villa immersa nel bosco

Jim Olson, capo dello studio di Architettura Olson Kunding, da giovane trascorse molte estati a Longbranch, nello stato del Washington, nella casetta estiva costruita dai nonni. Al suo primo anno di architettura, compiuti 18 anni, il padre gli diede 500 dollari e gli commissionò la costruzione e la progettazione di una cascina che poi divenne una splendida villa.

Purtroppo negli anni ’60 il cottage originario del nonno finì bruciato dopo un incendio, quindi il piccolo edificio di Jim (che misurava solo 18 metri quadrati) divenne l’unico rifugio per la famiglia. Da qual momento il cottage costruito da Jim venne modernizzato e aggiornato, ma senza distruggerne nessuna parte, solo aggiungendo accanto o sopra delle parti nuove.

Per collegare i diversi elementi costruiti Jim utilizzò delle piattaforme in legno, e nel 2003 realizzò un intervento organico per unire e amalgamare tutti i piccoli edifici formatisi. Il risultato? 110 metri quadrati di cottage! Ed è ancora più sorprendente pensare alla sua bellezza considerando che le costruzioni furono costruite non interessandosi del resto della casa, progettandole a se stanti.

Pensare poi che la costruzione avvenne nel bosco, dove con terreni discontinui e molto spesso non edificabili, e durò anni aggiungendo casetta per casetta e facendone un tutt’uno con la natura circostante, che ne sposa le forme e soprattutto il colore e il materiale essendo questo splendido cottage fatto in legno.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.