Vai al contenuto

Mese di marzo: semina e lavori nell’orto

     

    orto a marzo

     

    Il bel tempo sta facendo capolino ed è questo il mese migliore per iniziare a piantare alcuni semi come quelli delle melanzane o delle zucchine, che daranno i loro frutti nel periodo più caldo.

    Un orto può essere coltivato in vari periodi dell’anno e a seconda della stagione, si dovranno seminare determinate piante in modo da avere, per tutti i 365 giorni, delle belle verdure fresche senza il bisogno di andare a comprarsele.

    È molto importante per una buona alimentazione, mangiare sempre le verdure di stagione; ogni verdura ha le sue proprietà nutritive che fanno benissimo all’organismo e che lo aiutano anche a restare in forma sia in inverno che in estate.

    Sebbene le temperature di marzo non siano sempre buone, anzi è facile che si passi da una bella giornata di sole ad un freddo incredibile, questo mese è perfetto per la coltivazione di alcune delle più buone verdure.

    Cosa seminare nel mese di marzo?

    cosa piantare a marzo

     

    Vediamo cosa possiamo coltivare nel semenzaio o anche direttamente nella terra; molte di queste verdure crescono benissimo anche in vasi purchè questi siano abbastanza profondi per favorire la crescita corretta delle radici e soprattutto per dare la giusta distanza tra una piantina e l’altra.

    Ecco le verdure che si piantano a marzo: l’anguria, gli asparagi, il cavolo, le carote, i cetrioli, la lattuga, il melone, le melanzane, i peperoni, i piselli, i pomodori, il radicchio, gli spinaci, la valeriana, la zucca e anche le zucchine.

    Ovviamente si possono coltivare anche le piante aromatiche come il prezzemolo, il basilico, i porri e l’aglio; queste sono piante che possono crescere e quindi essere coltivate anche in altri periodi dell’anno.

    Marzo: i lavori, il raccolto e le semine nell’orto

    orto sul balcone

     

    Per iniziare a coltivare l’orto a marzo dobbiamo procedere con una bella pulizia del terreno e quindi togliere tutte le piante infestanti ed eliminare radici e piantine vecchie.

    Si procede con la preparazione del terreno a cui viene aggiunto un compost che favorirà una crescita rigogliosa delle piante; il compost può essere realizzato anche da soli utilizzando i nostri rifiuti organici, soprattutto quelli vegetali.

    A seconda del tipo di rifiuti vegetali che andremo ad usare, il compost sarà pronto in un massimo di 6 mesi. E allora via alle coltivazioni che daranno tantissime soddisfazioni perchè non c’è niente di meglio che mangiare ciò che abbiamo prodotto noi.

    Iscriviti alla newsletter di Casafan

    Per rimanere aggiornato su idee, novità, storie, tendenze, eventi e anteprime esclusive su casa e arredamento. Iscriviti!

    Contenuti Premium

    Update con gli ultimi trend

    Cancellati quando vuoi