La perla blu del Marocco: Chefchaouen

Chefchaouen scale

Probabilmente questo articolo meriterebbe di essere lasciato spoglio, per contemplare bene le immagini più che spettacolari della città di Chefchaouen. Chefchaouen è chiamata Perla Blu del Marocco, e il motivo è veramente stupefacente, le case (come possiamo vedere in foto) sono tutte blu, e l’atmosfera da opera d’arte di Picasso, affascina tutti i visitatori.

Guardando le foto si può immaginare che le strade e le case appartengano a una classica isola greca, per definizione colorate di blu e bianco. Ma Chefchaouen è una cittadina che si trova tra le montagne del Rif, in Marocco, a 110 chilometri a sud ovest di Tangeri. E così, ha preso il nome di Perla blu del Marocco, proprio per la sua cromaticità tra l’azzurro e il cobalto.

Fino alla metà del Novecento, per ragioni sacre, i musulmani hanno vietato l’accesso a turisti stranieri e visitatori non musulmani, per questo la cittadina di Chefchaouen è stata scoperta in realtà da poco tempo agli occhi degli europei. Al momento Chefchaouen è considerata la 6 città più bella del mondo nella lista delle 50 stilata da Cond Nast Traveller, superando Parigi, nonché un centro turistico di eccellenza.

Chefchaouen presenta molte analogie con le città andaluse, come le case basse, i vicoli stretti ecc. Questo perché nei secoli la città ha subito diversi assedi e diverse dominazioni che per tanto tempo hanno creato mistero attorno alla città e al suo colore, contrapposto al verde delle montagne circostanti (dove inoltre si coltiva il 40% di marijuana del mondo). Ma perché Chefchaouen è blu?

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.