Cosa fare in caso di terremoto notturno

Cosa fare in caso di terremoto notturno

Il nostro paese, la cara Italia, è risaputo essere un paese a forte rischio sismico, causato soprattutto dalla posizione geografica, tra la zolla africana e la zolla eurasiatica. Cosa fare in casi di terremoto è fondamentale, sopratutto per chi soffre di ansia e in questi momenti purtroppo risulta essere un po’ meno lucido.

Per questo motivo la Protezione Civile ha diramato delle norme di comportamento (consigliate) da eseguire in caso di terremoto notturno, e nello specifico sopratutto se si abita ai piani alti di edifici. Quindi, nel caso di terremoto notturno sono molteplici le soluzioni che si devono adottare.

Partiamo con lo specificare che i terremoti sono repentini, spesso si susseguono e lasciano un breve lasso di tempo per agire e mettersi in completa sicurezza. Le operazioni da seguire sono le seguenti: Trovare un riparo nelle zone sicure della casa, sotto lo stipite, sotto un tavolo o nelle rientranze del muro; Fare attenzione al pavimento, potrebbe cedere sotto i vostri piedi; Sospendete la fornitura di energia chiudendo il gas; non accendete fiamme libere come fiammiferi o accendini; abbandonate l’edificio quando siete sicuri che la scossa è terminata.

Queste sono le prime accortezze che si devono fare se ci si trova in una spiacevole situazione di terremoto. Nello specifico, nella prossima pagina della guida, andremo a visualizzare i consigli per chi si trova ai piani alti durante un terremoto, consigli diramati dalla Protezione Civile.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.