Vai al contenuto

Come far convivere insieme cane e gatto: regole e consigli utili

    Come far convivere insieme cane e gatto: regole e consigli utili

    Cane e gatto sono nemici per natura. Tanti esempi nei film, nei cartoni e nella musica. Ma non sarà forse solo uno stereotipo di quelli esagerati? Sicuramente far convivere cane e gatto nella stessa casa non è facile, ma assolutamente non impossibile. Ricordiamo che cane e gatto in questione sono comunque animali allo stato domestico quindi non padroni della casa, quindi impossibilitati a farsi valere mettendo ipotetiche regole.

    I caratteri di cane e gatto sono assolutamente contrastanti, il cane, giocoso e socievole si scontra facilmente con il carattere del gatto, schivo e poco interessato, che si ama e ama farsi amare (tanti esempi ci sono stati tramandati dagli egiziani). Ognuno di loro comunica con noi in maniera differente, i primi (i cani) agitando la coda ci manifestano il loro stato di felicità e spensieratezza, mentre se notiamo che il gatto agita la coda significa che egli è agitato e nervoso. Se il cane abbaia potrebbe farlo per attirare attenzioni dal padrone mentre un miagolio del gatto non è mai un buon segno.

    Abbiamo qualche consiglio per voi, per far si che il vostro cane conviva bene con il vostro micio e viceversa. Il primo consiglio è quello di adottarli (se possibile) nello stesso momento, da cuccioli. Tanti canili e colonie per gatti hanno bisogno di qualcuno che si curi dei loro piccoli, i quali aspettano per donarvi tutto il loro affetto.

    Un’altra cosa da fare è assolutamente evitare la forzatura della loro conoscenza, non spingeteli l’uno contro l’altro, ma lasciategli i loro tempi, mantenendo sott’occhio la situazione. Vedrete che il cane comincerà a giocare con il gatto e quest’ultimo si abituerà alla presenza del cane, anche se ai nostri occhi può sembrare impossibile.

    Convivenza tra cane e gatto: come farli diventare amici


    Non scoraggiatevi se assisterete ad una scena in cui il cane rincorre il gatto e quest’ultimo lo graffia, può essere normale! Molto spesso questi litigi non sono dovuti all’odio bensì a qualche screzio legato al cibo o a gelosie. Se succede spesso, chiedete un consiglio a un veterinario comportamentista.

    È utile creare uno spazio dove il gatto (che è colui il quale è rincorso) si possa rifugiare al sicuro dal cane, magari posizionando una cesta su una mensola in alto. Cercate inoltre di evitare la somministrazione dei pasti allo stesso momento per entrambi, e posizionate lontane ciotole di cane e gatto. Il cane infatti, seguendo l’odore saporito del cibo per gatti potrebbe andare a mangiare il pasto del micio, potenzialmente nocivo per la sua salute. Ricordate che il gatto mangia alternando pasti piccoli e frequenti, mentre il cane (più simile a noi) mangia la sua razione immediatamente.

    Tutto ciò che non deve mancare in queste situazione è, comunque, solo l’amore che voi avete nei loro confronti. Ed è proprio l’amore che loro percepiranno che li farà stare in pace tra loro, con voi e con loro stessi, per condurre una vita in casa divertente e spensierata.