Pellet di qualità (ed ecologico): come riconoscerlo

Pellet di qualità (ed ecologico): come riconoscerlo

L’ambiente ci sta a cuore, ed è per questo che quando usiamo il pellet per il funzionamento delle nostre stufe, utilizziamo sempre il pellet ecologico, che non abbia recato danni all’ambiente in tutte le sue fasi di produzione benché meno durante e dopo il reale uso. Quando comprate il pellet ecologico siete realmente sicuri che quello che state per acquistare sia veramente ecologico?

Per chi non lo sapesse, il pellet è un combustibile, che consiste in tanti piccoli cilindri di segatura pressata. Quindi è un combustibile prodotto da materiali di scarto dei vari processi di lavorazione industriale del legno. Ma come fare a riconoscere quale pellet è veramente ecologico senza incorrere in truffe o simili?

La soluzione non è semplice, oggigiorno ci sono oramai tantissime diverse possibilità di acquisto del pellet, tanti produttori, tanti prodotti e all’acquirente resta solo un po’ di confusione per la testa. L’associazione Assopellet ha cercato di fare chiarezza sulla situazione pellet è ha dettato 2 grandi linee guida per riconoscere il pellet ecologico.

I due grandi fattori da prendere in considerazione secondo l’associazione Assopellet sono il Potere Calorifico dello stesso, e il Residuo di Cenere del pellet che consiste in poche parole nella quantita di cenere prodotta dalla combustione di questo discusso combustibile. Inoltre è importante verificare le certificazioni, soprattutto la certificazione unica europea En Plus.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *