Far rinascere gli infissi in legno

infissi in legno restaurati

L’eleganza del legno è sempre stata un punto di forza per la maggior parte degli arredamenti stile classico. Chi acquista una nuova casa, o comunque dopo tanti anni, può accorgersi che le condizioni dei propri infissi in legno non sono delle migliori. Spesso gli infissi devono essere sostituiti, ma se non presentano segni di rottura o invecchiamento eccessivi, si possono restaurare donandogli una seconda vita.

Seguendo questa guida riuscirete a far rinascere i vostri infissi in legno, restaurandoli per mezzo di pittura, stuccamento e scartavetrando e laccando. Ciò che vi servirà è: Colore protettivo e ravvivante per legno, delle spazzole (assolutamente morbide per non rovinare il legno), dell’acqua (che sia tiepida, altrimenti potrebbe danneggiare il vostro legno), un panno morbido, della vernice opaca, della cera, dell’impregnante e, infine, del cotone idrofilo.

Innanzitutto assicuratevi che la superficie del legno che andrete a restaurare sia pulita, eliminando l’eventuale strato di polvere e/o di sporcizia. Per mezzo di un panno morbido, inumidito in acqua rigorosamente tiepida, strofinate in maniera decisa sul legno. Una volta pulito per bene il legno tornerà a splendere. Per ravvivare ancora di più il colore del legno, si utilizzano prodotti specifici. Stesso discorso se dopo la prima pulizia non risultano ancora limpidi.

Dopo aver spolverato gli infissi in legno, date una mano di vernice opaca, che sarà lo strato protettivo sul legno, e gli donerà maggiore lucentezza. Più mani di prodotto passerete sui vostri infissi in legno, più deciso emergerà il colore naturale del legno che state cercando di restaurare. Per effettuare tutti questi passaggi è bene utilizzare pennelli di setola morbidi, in tutti i versi (orizzontali e verticali), ma stendendo la vernice sempre dal basso verso l’alto.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *