Quando i cani e i gatti migliorato la qualità della vita

i cani fanno compagnia agli anziani

Quanta compagnia può fare un animale domestico? E un gatto o un cane in particolare? Anche gli studi scientifici confermano quanto benessere porta un animale domestico al proprio padrone, in termini non solo di compagnia ma anche di affetto e lealtà.

Specialmente per alcune categorie di persone come gli anziani e i disabili, l’animale domestico è una vera medicina per l’anima. La loro presenza in casa ravviva l’ambiente e spesso chi è rimasto solo per vari motivi, trova nell’animale un compagno che spezza la rete di solitudine e sconforto in cui inavvertitamente si può sprofondare.

Spesso quando si è in età avanzata il ritmo delle giornate si allunga perché non si hanno più tanti impegni pratici. Magari i nipoti sono già grandicelli e non c’è più tanto bisogno da parte dei figli di un aiuto materiale e quotidiano. Ognuno poi, tra lavoro e famiglia, deve fare i conti con le ore che trascorrono talmente in fretta da non accorgersi che si arriva a sera in un batter d’occhio. E ci si dimentica puntualmente di fare uno squillo al nonno solo in casa.

Per l’anziano stare solo tutto il giorno può davvero essere un peso. Il desiderio di accudire e di pensare ad un’altro essere rimane sempre vivo, perché se il corpo invecchia e un po’ comincia a cedere, il cuore no. Quello rimane sempre vigile e pronto ad accogliere qualcun altro.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *